Ricerca prodotti


I brand distribuiti

VUOI DIVENTARE RIVENDITORE?

Sei interessato a diventare rivenditore di uno o più dei nostri brand? Contattaci

Archivio Newsletter

Filtri Rodenstock

Vetri ottici Rodenstock: superficie perfetta per filtri eccellenti


Vetri ottici Rodenstock: superficie perfetta per filtri eccellenti
()


Una foto deve nascere pulita. È vero che molte correzioni possono essere fatte al computer, ma il risultato non potrà mai essere pari a quello che si ottiene con un buon filtro. Nell'esempio della foto sopra si notano i riflessi di una vetrina e come sono corretti con un filtro polarizzatore Rodenstock, lo strumento eccellente per ottenere una visione chiara.

I migliori filtri sono in vetro ottico

I filtri devono essere prodotti con vetri ottici che abbiano le medesime caratteristiche delle lenti degli obiettivi; inoltre devono essere perfettamente neutri dal punto di vista ottico.

Per questo il vetro ottico utilizzato per i filtri soddisfa caratteristiche molto rigorose in modo da non compromettere le qualità degli obiettivi.

I raggi luminosi devono rimanere paralleli dopo aver attraversato il filtro

I raggi luminosi che attraversano il filtro vengono leggermente rifratti verso l'asse ottico nella parte superiore, mentre vengono allontanati dall'asse ottico nella parte posteriore. Per evitare la presenza di sfocature e perdite di contrasto, la direzione di uscita della luce deve rimanere perfettamente parallela alla direzione di entrata della luce in ogni punto (vedi la tabella qui sotto).

 1.   Il vetro deve essere omogeneo in modo che si abbia lo stesso indice di rifrazione su tutta la superficie.
 2.   Nessuna superficie può essere irregolare o incurvata verso l'altra; devono essere due piani paralleli, altrimenti producono sfocature a causa della luce rifratta in modo diverso.
 3.   Le superfici devono essere lisce e prive di graffi. La lucentezza del filtro deve essere identica a quella dell'obiettivo per non creare una riduzione di contrasto causata dalla dispersione della luce.
 4.   La trasmissione del vetro deve essere più alta possibile all'interno dello spettro visibile. Non deve mostrare alcuna traccia di interferenze esterne come bolle o striature. Questo avrebbe un effetto negativo su contrasto e risoluzione dell'immagine.
 5.   La resistenza meccanica deve essere elevata per consentire l'uso di una lamina per la montatura che sia al contempo sottile e resistente alle rotture. Solo così si possono realizzare montature sottili, che evitano la vignettatura, un'aberrazione ottica che si può presentare usando obiettivi grandangolari, e che offrono in più una filettatura per il montaggio di ulteriori accessori (come un paraluce).


Questo schema mostra la differenza tra la corretta rifrazione della luce e una sbagliata.